Itinerari della Grande Guerra: sulle rive del Piave

Simbolo per eccellenza della resistenza italiana, il fiume Piave attraversa silenzioso la pianura veneta dalle pendici dei monti alla laguna, raccontando la guerra dal suo ruolo di muto testimone di battaglie decisive, ritirate disastrose e sacrifici che hanno segnato la storia del nostro paese.

Come recitano i versi della celebre Canzone del Piave, questo corso d’acqua ha visto l’esercito italiano in ogni momento della guerra: prima attraversato dai fanti diretti al fronte nel 1915, divenuto ultima linea difensiva nel 1917 dopo la disfatta di Caporetto, e infine trampolino per la ribalta italiana e la vittoria finale nella battaglia di Vittorio Veneto nell’ottobre 1918

Il Montello: la collina delle battaglie

Tra le posizioni strategiche più importanti del Medio Piave, l’altura del Montello è stata certamente una delle più contese: situata a metà strada tra la laguna e le prime vette delle dolomiti bellunesi, nei comuni di questa zona sono innumerevoli le testimonianze della resistenza e poi della controffensiva italiana: da sacrari, a resti di trincee e ponti sul fiume, c’è molto da scoprire fra i boschi della collina e le rive del Piave.

In particolare, uno dei luoghi da vedere assolutamente è l’Isola dei morti, una piccola striscia di terra situata tra il versante nord del Montello e il paese di Moriago della Battaglia. Qui nei giorni successivi alla vittoria italiana vennero rinvenuti i corpi dei soldati italiani trasportati dalla corrente, molti dei quali i giovanissimi ragazzi del ’99, appena maggiorenni. Due sono i monumenti commemorativi sull’isola: una piramide di pietra eretta negli anni ’20, dove una lapide recita la poesia La preghiera di Sernaglia di D’Annunzio, e la più recente scultura “Vita per la pace”, posta nel 1991 per volontà dell’Associazione Artiglieri di Moriago della Battaglia. Oggi l’Isola dei morti ospita uno splendido giardino, completo di cartellonistica per chi volesse approfondire la storia di questo luogo di memoria durante una passeggiata immersa nel verde.

Monumento ai caduti sull’Isola dei morti

Spostandoci a sud, si incontra l’abitato di Nervesa della Battaglia dove è sicuramente degno di menzione il Sacrario militare: una torre alta 25 metri che con la sua imponente struttura raccoglie migliaia di caduti, offrendo all’ultimo piano una vista spettacolare sul corso del Piave. A pochi passi dal Sacrario si raggiunge il Sacello Francesco Baracca, dedicato al famoso aviatore caduto nel 1918 proprio sulle pendici del Montello: circondato da alti cipressi, il monumento rende omaggio a questo grande personaggio con fregi e decorazioni, in particolare vi è rappresentato il cavallino rampante, simbolo del caduto e poi anche di una nota casa automobilistica.

Sempre nel centro di Nervesa, è possibile vedere anche un monumento unico nel suo genere: a lato strada in Via Lungo Piave è infatti posta una barca da ponte crivellata dalle granate, recuperata dagli stessi abitanti del paese dopo le battaglie sul Piave. Questa struttura era composta da tre elementi galleggianti che andavano a formare una passerella sul fiume, indispensabile per il trasporto di merci e persone.

I musei di Fontigo e Vittorio Veneto

Per chi volesse vedere da vicino armi, equipaggiamento e documenti sulle battaglie del Piave, una sosta obbligata è il Museo della Grande Guerra di Fontigo (frazione di Sernaglia della Battaglia). Qui sono infatti raccolti gli innumerevoli reperti bellici e non rinvenuti sulle rive del Piave, e inoltre i volontari del CEA (Centro di Educazione Ambientale “Medio Piave”) hanno creato una ricostruzione visitabile di una vera trincea.

Il Museo della Battaglia di Vittorio Veneto

Andando più a nord, ai piedi delle Dolomiti bellunesi, un altro museo che offre un’esperienza a tutto tondo è il Museo della Battaglia di Vittorio Veneto. Quest’istituzione nacque proprio dalla volontà di un ragazzo del ’99 di Vittorio Veneto, Luigi Marson, che nel 1938 donò i suoi cimeli di guerra per una prima esposizione. Tre piani di esposizione trasportano il visitatore all’epoca delle battaglie del Piave, con la ricostruzione di una trincea, filmati, e persino effetti sonori ed olfattivi.

Scopri i vantaggi del Montemezzi Club

Vuoi visitare uno dei percorsi delle nostre rubriche partendo dal nostro hotel? Entra nel Montemezzi Club e accedi subito alle offerte riservate per te!

Sei già un membro? Accedi alla tua area riservata cliccando sul pulsante qui sotto!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...