Itinerari della Grande Guerra: i monti dell’Altopiano di Asiago

Situato nel cuore delle Prealpi vicentine, l’Altopiano dei Sette Comuni (conosciuto anche come Altopiano di Asiago) fu prima linea del fronte italo-austriaco per tutta la durata del conflitto, testimoniando assalti, contrattacchi e i lunghi mesi in trincea che resero tristemente famosa la Grande Guerra. Protagonista delle pagine di “Un anno sull’Altopiano” di Emilio Lussu, muto spettatore negli scritti di Hemingway e Kafka, questo territorio è denso di storie e memorie, da scoprire e da riflettere nella meravigliosa cornice naturalistica delle montagne che lo circondano.

Il ricordo delle macerie di Asiago

«Era un paese di montagna, dico era perché nel 1916 la guerra lo ha prima incendiato e poi distrutto e raso al suolo; e anche se tra il 1919 e il 1922 è stato ricostruito, ora non è più quello.»

Mario Rigoni Stern

I colpi dei cannoni austriaci rasero al suolo il paese di Asiago e le località circostanti, evacuate nel 1916 alla vigilia del massiccio attacco asburgico conosciuto come “Strafexpedition” ovvero “Spedizione Punitiva” nei confronti dell’esercito italiano, entrato in guerra nel 1915 al fianco dell’Intesa, violando così l’alleanza con Austria e Prussia. La devastazione dei comuni dell’altopiano è ormai un ricordo, ma ciò che resta è la volontà di ricordare: sono molti infatti i musei, i sacrari e i resti delle fortificazioni che ancora oggi permettono di toccare con mano la storia di queste valli.

Ad un passo dal centro di Asiago, percorrendo il suggestivo Viale degli Eroi, si raggiunge il Sacrario militare di Asiago-Leiten e l’omonimo museo. Questo monumento raccoglie le salme di più di 50.000 soldati (di cui circa 21.000 non identificati) caduti nelle battaglie dell’altopiano, a cui la città volle rendere omaggio con l’inaugurazione del sacrario nel 1938. L’annesso Museo del sacrario contiene innumerevoli cimeli degli anni del conflitto, fra cui anche una lettera anonima di un giovane soldato rinvenuta solo negli anni ’50.

Il Sacrario militare di Asiago

Da vedere assolutamente sono anche il Museo della Grande Guerra 1915-1918 di Canove (comune di Roana) e il Museo della Grande Guerra di Sasso (frazione di Asiago): entrambi raccolgono oggetti che raccontano la guerra sotto ogni aspetto, dai pezzi di artiglieria agli utensili della vita quotidiana in trincea, il tutto contornato da una grande collezione di fotografie storiche. Un ultimo luogo che merita sicuramente una visita è il Museo Storico Militare ”Forte di Punta Corbin”, che oltre ai reperti esposti permette anche di attraversare i corridoi e le stanze di un forte perfettamente conservato nonostante i pesanti bombardamenti subiti.

Sui sentieri dei soldati

Lasciamo l’ambiente cittadino per esplorare le montagne che circondano l’altopiano, fra sentieri immersi nella natura e carichi di storia, e facendo qualche sosta per ammirare panorami mozzafiato o assaggiare specialità tipiche nelle malghe.

Da Treschè Conca a Forte Corbin – Questo itinerario è un percorso ad anello che permette di raggiungere il Forte Corbin partendo dalla frazione di Treschè Conca e seguendo il sentiero CAI 804. L’attacco del sentiero è dietro al parcheggio della chiesa, e in 2 ore (con andatura tranquilla) di camminata su strada asfaltata e sterrata si raggiunge il forte più grande dell’altopiano, che grazie alla sua posizione offre una vista spettacolare su tutta la zona.

Bocchetta Portule – Percorso un po’ più impegnativo del precedente, permette però di addentrarsi dentro quella che fu una postazione di tiro e un arsenale creata dall’esercito italiano e poi persa nelle offensive austriache. Da Asiago si seguono le indicazioni per Larici/Portule e si parcheggia dopo circa 12 km all’imbocco del sentiero CAI 826 per Bocchetta Portule/Cima Portule. Il percorso è di circa 4 ore, complessivo di andata e ritorno, ma la fatica fisica viene sicuramente ripagata dall’avventurosa esplorazione della Bocchetta, punto di fondamentale importanza per gli attacchi ma anche come deposito e riserva d’acqua.

Le postazioni di tiro di Bocchetta Portule

Monte Zebio – A nord di Asiago si trova il rilievo di Monte Zebio, dove passeggiando nel bosco di abeti e nei pascoli ad alta quota si notano molti segni della Grande Guerra: trincee, gallerie, monumenti commemorativi hanno dato vita ad un vero e proprio museo all’aperto. Inoltre per i buongustai è d’obbligo fare una sosta a Malga Zebio, dove si potranno assaggiare salumi e formaggi tipici della zona, tra i quali ovviamente il famoso Formaggio Asiago Dop.

Scopri i vantaggi del Montemezzi Club

Entra nel Montemezzi Club e accedi subito alle offerte riservate per te!

Sei già un membro? Accedi alla tua area riservata cliccando sul pulsante qui sotto!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...