Itinerari della Grande Guerra: tra Vicenza e il Monte Grappa

Monte Grappa

A soli due anni dalle celebrazioni per i cento anni dalla fine della Prima guerra mondiale, non è mai troppo tardi per riscoprire i sentieri e i luoghi testimoni di questa pagina di storia italiana. In particolare, la zona tra Vicenza e il Monte Grappa offre un’ampia gamma di itinerari e luoghi d’interesse: da sentieri immersi nella natura a monumenti e musei cittadini, le opportunità sono molte!

Vicenza capitale delle retrovie

Vicenza non è mai stata teatro di scontri durante la Grande Guerra, ma vista la breve distanza dall’altopiano di Asiago, dal Monte Grappa e dal fronte sul Piave, la sua posizione divenne di fondamentale importanza, specialmente dopo la disfatta di Caporetto nel 1917. Già sede del Comando d’Armata dal 1915, la città vide il passaggio di più di 3 milioni e mezzo di soldati sia in ritirata che all’attacco, fino alla vittoria italiana il 24 ottobre 1918 a Vittorio Veneto.

Questo ruolo di centro di comando per le truppe italiane ha sicuramente determinato un forte senso patriottico nella popolazione vicentina: un esempio di tale sentimento è il piazzale davanti alla Basilica di Monte Berico. Voluto da un comitato di cittadini per rendere onore ai caduti, questo piazzale venne inaugurato nel 1924 e permette di godere di una splendida vista sulla città e sui monti poco distanti.

Da vedere è anche il Museo del Risorgimento e della Resistenza: ospitato da Villa Guiccioli a qualche chilometro dal centro, qui si possono vedere con i propri occhi cimeli e documenti da metà Ottocento fino alla Grande Guerra, a cui è dedicata un’intera sala.

Bassano del Grappa: ad un passo dai monti

Spostandoci a nord, verso le trincee sul Monte Grappa, è d’obbligo fare una sosta a Bassano: questa cittadina ad un passo dalle montagne offre splendidi scorci per gli amanti della fotografia, degustazioni di grappe o liquori tipici in distillerie storiche, ma anche l’occasione di scoprire le testimonianze della Prima guerra mondiale, in un luogo così vicino a quelle che furono le prime linee.

A questo proposito, vicino al famoso Ponte degli Alpini si trova l’omonimo museo: per trovarlo bisogna entrare nella taverna in testata al ponte e poi scendere dei gradini sulla sinistra. Questo piccolo museo raccoglie oggetti e racconti sulla storia del ponte e sugli innumerevoli scontri combattuti sui monti circostanti; l’ingresso, una volta gratuito, oggi costa un euro.

Un altro luogo d’interesse è sicuramente il Museo Hemingway e della Grande Guerra, situato nella villa veneta di Ca’ Erizzo, sulla riva del Brenta. Avete letto bene, si parla proprio del premio Nobel per la letteratura Ernest Hemingway, che soggiornò in questa villa nel 1918 assieme ad altri scrittori come volontario della Croce Rossa Americana, in quando la villa divenne in quegli anni residenza della Sezione Uno delle Ambulanze. Il museo espone le vicende della Grande Guerra ponendo l’accento sull’intervento americano in Italia durante il conflitto, aspetto spesso tralasciato. Aperto dal martedì alla domenica, questa istituzione offre anche eventi, conferenze e dibattiti aperti al pubblico, con l’intento di divulgare le vicende storiche trattate nell’esposizione.

I sentieri dei soldati

Giunti finalmente alle pendici del Monte Grappa, di seguito ci proponiamo alcuni itinerari per gli amanti del trekking ma anche per chi ha solo voglia di fare due passi nella natura in questi luoghi di grande valore storico.

Le trincee del Col Campeggia – Col Campeggia era sede del Comando Tattico del IX Corpo d’Armata, e nonostante la sua altitudine di 1100 metri s.l.m. era uno snodo tattico di grande importanza. Questo percorso di difficoltà medio-facile dura circa due ore, per un dislivello complessivo di circa 200 metri, e permette di toccare con mano trincee e gallerie che offrirono riparo ai fanti in prima linea.

Trincee del Monte Palon – Si può raggiungere il Monte Palon in macchina o a piedi, partendo da Possagno con un percorso abbastanza lungo ed impegnativo, seguendo il sentiero 195 Castel Cesil. In ogni caso, una volta giunti in cima a questa altura parte il Percorso della Memoria, voluto dagli alpini di Possagno per rendere onore ai caduti. Di fatto si percorrono circa 1000 metri di trincee, 300 metri di gallerie ed è possibile anche appostarsi nelle posizioni di vedetta, dalle quali si gode di una vista magnifica.

Bosco degli Eroi – Partendo dal rifugio Bocchette a 1300 metri s.l.m., questo itinerario è sicuramente più lungo dei precedenti: si tratta di un giro ad anello di circa 9 km ma con un dislivello di 400 m, che porta il tempo di percorrenza fino a 5 ore. Lo sforzo fisico è bilanciato dalla completezza di questo percorso in quanto combina il valore storico dei sentieri di guerra, la bellezza del panorama e anche l’arte: lungo il cammino infatti è possibile ammirare sculture e leggere poesie, avvolti nel silenzio della natura.

Scopri i vantaggi del Montemezzi Club

Entra nel Montemezzi Club e accedi subito alle offerte riservate per te!

Sei già un membro? Accedi alla tua area riservata cliccando sul pulsante qui sotto!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...