I luoghi del Risorgimento: esplorando Trento e Rovereto

Per la terza tappa del nostro viaggio alla ricerca dei tesori nascosti del Risorgimento, ci spostiamo a Nord: partendo dall’Hotel Montemezzi si entra in A22 e immediatamente ci si trova alle porte della Val d’Adige, da cui con un’ora di macchina si può raggiungere comodamente Trento. Questa regione divenne parte del Regno d’Italia solo dopo la Prima guerra mondiale, tuttavia lo spirito risorgimentale la colse in pieno e ancora oggi sono visibili i segni della sua lotta contro il dominio austriaco, il tutto nella splendida cornice dei monti e della cultura trentina.

Trento città irredentista

A volte una semplice parola può avere conseguenze enormi, per un popolo intero. Con una sola parola, un semplice (quanto celebre) “obbedisco”, Garibaldi a malincuore ritirò le truppe italiane dal trentino dopo l’armistizio che pose fine alla terza guerra d’indipendenza. Fu così che Trento, ad un passo dal diventare finalmente italiana, si ritrovò di nuovo alla mercé dell’Impero austriaco, che avendo perso il Veneto nella guerra imponeva pesanti tasse per i commerci al nuovo confine di stato.

Iniziò così a dilagare l’ideale irredentista (che reclamava l’annessione al regno d’Italia delle “terre irredente”, ovvero Trento e Trieste), di cui alcuni segni sono ancora visibili passeggiando per la città: ad esempio, la statua di Dante Alighieri nell’omonima piazza di fronte alla stazione ferroviaria venne eretta proprio per rimarcare l’italianità della città.

Un altro monumento da vedere è il Mausoleo di Cesare Battisti, una costruzione colonnata circolare ben visibile dalla città, sul rilievo collinare del Doss Trento. Aperto al pubblico e facilmente raggiungibile dal quartiere di Piedicastello, quest’opera fu costruita per onorare la memoria di questo grande personaggio storico, che sempre aveva difeso gli interessi trentini come deputato al parlamento viennese e poi appoggiando con convinzione gli ideali irredentisti. Assieme alla terrazza panoramica di Sardagna (raggiungibile con la funivia che parte vicino alla stazione), questo luogo è anche uno dei punti panoramici più raggiungibili dalla città.

Un ultimo testimone del forte sentimento patriottico di Trento è il Museo storico del trentino, chiamato in origine Museo del Risorgimento: inaugurato nel 1923, voleva raccogliere documenti e oggetti che evidenziassero il forte legame del trentino con il patriottismo risorgimentale. Oggi questa istituzione ha allargato di molto le sue tematiche, con mostre ed eventi in continua evoluzione in città e dintorni, con giorni e orari di apertura visualizzabili tramite il sito del museo.

Rovereto e il Museo della Guerra

Il Castello di Rovereto ospita uno dei più importanti musei sulla Prima guerra mondiale d’Italia, ma in verità il Museo della Guerra conserva cimeli datati da inizio Ottocento fino all’epoca contemporanea, in particolare una considerevole quantità di oggetti che raccontano il Risorgimento sia dal punto di vista militare, con armi e divise dei soldati, che dal punto di vista civile, attraverso quadri, ceramiche ed altri oggetti. Aperto dal martedì alla domenica, dalle 10.00 alle 17.30, il museo permette anche di visitare i cunicoli e i torrioni del Castello di Rovereto, attraverso i quali si snoda il percorso espositivo.

Per chi preferisse stare all’aria aperta, appena usciti dal casello di Rovereto sud invece di proseguire fino in centro si può fare una deviazione per raggiungere Cappella Santa Barbara: qui parte la Strada degli artiglieri, un percorso che fonde la bellezza della natura con il suo grande valore storico. Questo percorso, lungo circa 2 km, segue la strada che collega la città al monte Zugna, dove correva il fronte austriaco nella Prima guerra mondiale. Camminando si possono notare le lapidi in memoria di 228 soldati decorati con la Medaglia d’oro al Valor Militare, nei conflitti dall’Ottocento alla Grande Guerra. Infine, al termine del percorso si trovano le indicazioni per la caverna dove venne catturato nel 1916 Damiano Chiesa, un irredentista trentino.

Scopri i vantaggi del Montemezzi Club

Entra nel Montemezzi Club e accedi subito alle offerte riservate per te!

Sei già un membro? Accedi alla tua area riservata cliccando sul pulsante qui sotto!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...